fbpx

I servizi di auto condivisa sul territorio nazionale stanno prendendo sempre più piede e sempre di più sono le aziende che sfruttano questo nuovo sistema di mobilità. Smarter Up incrementa sistemi di innovazione e tecnologia digitale per le Smart City e si trova in prima linea a parlare dei nuovi sviluppi del car sharing in Italia.

Il cambiamento e la crescita

Ne abbiamo sentito tanto parlare e i numeri sono cresciuti in maniera piuttosto incisiva dal 2019 in poi. Secondo gli studi dell’ Osservatorio Nazionale della Sharing Mobility il car sharing si sta sviluppando principalmente in due direzioni: “station based” (con parcheggi dedicati) e “free floating” (a flusso libero). Ovviamente ogni modalità di condivisione va adattata alla tipologia di città e di spostamenti. Milano e Roma hanno sviluppato maggiormente il free floating mentre altre città hanno consolidato nuovi operatori locali che modulano il servizio secondo le caratteristiche dell’utente medio.

Car sharing per la smart city
Parlando di numeri

I nuovi sviluppi del car sharing in Italia hanno portato ad un grande incremento del servizio che è sceso solo con l’arrivo del lockdown. C’è stato un aumento del 3% per i servizi di free-floating e del 7% per le station based.

Quest’evoluzione ha come obiettivo quello di offrire un servizio sempre più completo con nuove formule che vanno ad integrarsi con quelle già esistenti. Facendo un discorso un po’ più ampio potremmo parlare non solo di car sharing ma anche di Bike sharing. Con la pandemia molti si sono rivolti a soluzioni di mobilità che evitassero troppo i contatti ma soprattutto si potesse girare in tutta sicurezza e all’aria aperta.

Una nuova concezione di mobilità per abbassare i livelli di inquinamento

La riduzione del tasso di motorizzazione italiano potremmo definirlo come l’obiettivo principale della sharing mobility. Pensiamo a quante auto in meno potrebbero esserci, quanti spazi liberi in più e soprattutto meno inquinamento dovuto all’affluenza di milioni di macchine in sosta ogni giorno. Sicuramente è un traguardo interessante ma sarebbe importante se riuscissimo entro il 2030 a portare il tasso di motorizzazione privata a 500 auto ogni mille abitanti. Una grande sfida ma non impossibile.

Smarter Up è nata da un team di professionisti del settore sia del fotovoltaico che per la smart city. Ci occupiamo di servizi per lo sharing sia che parliamo di E-car o E-Bike sia che parliamo di sistemi IoT. Abbiamo a cuore lo sviluppo della città intelligente perché questo è il futuro e sicuramente riusciremo a portare nuovi obiettivi che siano disegnati a misura di cittadino.

Contattaci per maggiori informazioni. Smarter Up, costruiamo la smart city!